HASIL (HASSLE) ADKINS, IL PRIMO ONE MAN BAND PALLIDO!

Hasil+Adkins+hasil

L’anno della nascita di Hasil Adkins è ancora oggi un mistero, 29 Aprile del 1930qualcosa. Hasil è e sempre resterà soggetto di svariati anedoti e miti, fra cui molti veri.

Hasil Adkins, (pronunciato “Hassle”, in italiano, “disputa”), nasce in assoluta povertà nella zona rurale della Contea di Boone, Ovest Virginia, al culmine della grande depressione. Era il più giovane dei 10 bambini che lavoravono nella miniera di carbone del minatore Wid Adkins. La sua infanzia fu segnata dalla fame e dalll’assenza di scarpe, ottenne il suo primo paio di scarpe a 4, 5 anni.
Ad un’età veramente precoce Hasil cominciò ad imitare i musicisti blues che sentiva alla radio, (come Jimmie Rogers, che suonava con la band di Muddy Waters).
Cominciò battendo il tempo sulla latta del latte e facendo veramente ammattire suo padre che gli consigliò di andare a battere quell’affare fuori casa. Restava ore a “suonare”, vicino al camino. In breve tempo trovò il suo metodo, la sua batteria era composta dalla latta del latte e da un secchio di lardo prima da 4 libbre, poi da 8. Quando sua madre usciva di casa trasformava il suo mastello e la bacinella per i piatti in strumenti. Era capacmusice di fare musica con qualsiasi cosa gli capitasse sotto mano e fu così che gettò le basi per diventare  il primo One Man Band  bianco della storia della musica.
Hasil vide la sua prima chitarra a casa di un vicino. Rimase a guardare l’uomo suonare per ore, completamente affascinato dai suoni e studiando tutto quello che stava facendo. Aspettò e aspettò finché gli adulti furono abbastanza ubriachi da lasciargli toccare la chitarra. Fu così che Hasil Adkins posò le sue mani su una chitarra per la prima volta. Inventò il suo modo personale di suonare la chitarra fra filo spinato e secchi di acqua. La sua famiglia dovette riconoscere il suo talento, e cercò di studiare un piano per farlo scappare dalle miniere di carbone. Risparmiaronoper anni, finchè furono in grado di regalargli una chitarra, Hasil era ormai adolescente.

Per anni Hasil viaggio per il paese, suonando in tutte le bettole e in tutti i bar, e spedendo nastri ad ogni etichetta discografica esistente. Sentiva i successo vicino, ma non riusciva ad afferrarlo, tuttavia rimase fedele al suo stile e la sua visione, lastricando la strada che avrebbe portato successivamente al punk rock. I suoi primi singoli furono registrati e tagliati D.I.Y. (do it yourself) nella sua camera da letto. A causa della malattia della madre smise di viaggiare per prendersi cura di lei, ma continuò a registrando e a spedire nastri ovunque. Successivamente diede vita alla sua etichetta discografica <b>[color=orange]A.R.C. Records. Successivamente i Cramps con la cover di “She Said” aiutarono a trasformare Hasil in una leggenda della musica underground.

patata in bocca Lux? 😛 😆

Hasil Adkins registrò 16 album e 21 singoli negli Stati Uniti oltre a svariati demo e registrazioni per l’Europa. Scrisse 7.000 canzoni e conosceva 2.000 cover. I suoi concerti erano insieme caotici, aggraziati, ipnotici. Ogni tanto invitava a salire sul palco un ospite per suonare uno o due pezzi, ma nessuno poteva tenergli testa. Per questo rimase sempre un ONE MAN BAND. Durante una sessione con una band qualcuno dei musicisti gli chiese: “In che tempo è sto pezzo!” e lui rispose con un urlo. 😀

Hasil Adkins non era avvezzo alle novità. Gli piacevano le sue selvaggie “Halloween song” ed era molto orgoglioso delle sue canzoni popolari, attraverso le quali poteva esprimere i suoi sentimenti più profondi. Era un personaggio molto complesso. Crudo e primitivo, ma anche molto spirituale, ignorante ma allo stesso tempo brillante, ironico ma anche serio. Nessuno che abbia camminato sulla terra è mai stato così autentico e genuino. Se distruggere tutta la sua strumentazione lo rendeva felice, con molta naturalezza distruggeva tutto. Se si sentiva serio, triste, quieto, e solitario, cantava di tristezza, quiete e solitudine. Se voleva mangiare dieci libbre di pomodori in una volta, semplicemente le mangiava. Faceva tutto con sincerità e con completo abbandono.


Il 16 aprile 2005, mentre Hasil se ne stava sotto il suo portico fu aggredito e buttato per terra da uno sconosciuto. Successivamente il ragazzo corse in strada e spinse a terra un altro passante. Hasil scampò l’incidente, l’identificò il ragazzo da un identikit, e disse: ” Spero si faccia solo 5 anni, così che impari la lezione, ma abbia ancora il tempo e il modo per comportarsi correttamente!”.
Hasil morì 10 giorni più tardi.

In tutta la storia di musica ci sono stati alcuni personaggi autentici e molti imitatori. Hasil Adkins è certamente uno dei più originali fra tutti. Era un individuo unico, fu capace di costruirsi una strada completamente nuova in una regione selvaggia e poi bruciò il percorso dietro a lui, rendendolo quasi impraticabile per chiunque lo volesse veramente seguire.

Che Dio benedica Hasil Adkins e che riposi in pace!

(adoro questo pezzo! )

Advertisements

THE CRAMPS

THE CRAMPS

LA STORIA

Nella primavera del 1976, I Cramps cominciano a marcire in un appartamento di New York. In assenza d’ aria fresca o luce naturale, il gruppo da vita al primo ceppo mutante del rock’n’roll, aiutato solo dai malaticci raggi blu della tv a tarda notte. Mentre i ritmi martello pneumatico del punk si moltiplicavano a New York, i Cramps entrano nei profondi meandri della psiche del rock’n’roll più primitivo e fanno propri tutti gli impulsi ritmici del rockabilly più esplosivo, mandando in frantumi, fra brividi e singhiozzi, il sound della cultura meridionale. Ma manca ancora qualcosa, così a tarda notte, mentre i film di fantascienza colorano la stanza, i Cramps prendono e scelgono, i più psicotici frammenti di epoche precedenti pietra, (rock strumentale, surf, psichedelia e garagepunk anni sessanta) e per finire aggiungono l’elemento più tossico di tutti: Loro stessi.

E’ quasi impossibile non aver mai sentito parlare dei Cramps. La loro carriera è stata leggendaria. Pericolosamente bizzarra ma soprattutto genuina, I Cramps rappresentano tutto ciò che è veramente riprovevole rock’n’roll. Membri fondatori Lux Interior (psico-sessuale Elvis / ibrido Werewolf dall’inferno) e chitarra-imbracatura anima gemella Poison Ivy (l’ultima cattiva ragazza volpe).
Loro gli artefici di un suono malvagio che distilla una croce fatta di : gocce di palude, chiaro di luna e nitro. Ottenendo con tale pozione, una sostanza musicale, pericolosa ed instabile. Il loro impatto culturale generò, una schiera di culti demoniaci e catfights (lotta fra ragazze) in pista da ballo, e un esercito di imitatori “primitivi e con movenze sconnesse”. Come gli altri pionieri del punk rock nei tardi anni settanta, si ruppero i denti denti sui palcoscenici di CBGB e del Max Kansas City. Registrarono il loro primo disco per Sam Phillips e i leggendari Sun Studios, (disco finanziato principalmente dal reddito di Ivy come dominatrice a New York).
Il termine PSYCHOBILLY compare, (quasi per la primissima volta), nei loro manifesti ,(citazione da “Psychobilly Cadillac” canzone di Jhonny Cash). Le esibizioni dal vivo erano, (e per sempre resteranno), esattamente come una scarica elettrica dritta al cervello, rock’n’roll d’assalto senza esclusione di colpi. Lux Interior muore il 4 Febbraio del 2009, di attacco di cuore. I Cramps non faranno più nuovi album, ma rivivono ancora quando qualcuno appoggia un loro vinile su un piatto e fa girare la puntina, ogni volta che qualcuno guarda un loro video, e sono stati fondamentali per la nascita di un nuovo genere che del rock and roll mutante fece il suo cavallo da battaglia, LO PSYCHOBILLY.

LUX TI RICORDEREMO COSì

BIOGRAFIA

Lux Interior (nato Erick Purkhiser) e Poison Ivy (nata Kristy Wallace) si incontrarono a Sacramento in California nel 1972. Grazie agli interessi artistici in comune ed alla devozione per il collezionismo di dischi in vinile, i due decidono di formare un gruppo con il nome The Cramps.
Lux Interior prese il suo nome d’arte da una pubblicità per auto, e Poison Ivy disse invece di aver fatto un sogno dove si vedeva questo nome (in origine il nome completo era Poison Ivy Rorschach, e l’ultimo nome era preso dall’inventore del Test di Rorschach). Tuttavia non credo che la scelta di tale nome non sia stata infleuenzata dal celeberrimo personaggio di Batman, (non a caso rossa di capelli) o dall’omonima canzone dei Coasters.

LA BAND, LE VARIE FORMAZIONI E GLI ALBUM

Nel 1973 si trasferiscono ad Akron in Ohio, e nel 1975 a New York, dove entrano subito a far parte della scena punk rock che ruotava intorno al locale CBGB, e che comprendeva altri gruppi come Ramones, Patti Smith, ed i Television. La formazione nel 1976 era: Poison Ivy Rorschach, Lux Interior, Bryan Gregory (chitarra) e sua sorella Pam “Ballam” (batteria). La particolarità del gruppo era che nella formazione (fino al 1983) non era compreso un bassista.

In breve tempo il gruppo cambia il batterista per due volte. Miriam Linna (successivamente nei Nervous Rex, nei The Zantees, e nei The A-Bones) sostituisce Pam Ballam, e Nick Knox (precedentemente negli Electric Eels) sostituisce Linna nel settembre 1977.
Alla fine degli anni settanta pubblicano due singoli indipendenti prodotti da Alex Chilton agli Ardent Studios di Memphis nel 1977, prima di essere messi sotto contratto da Miles Copeland III per la I.R.S. Records.
Nel giugno del 1978 eseguono un concerto gratuito per i pazienti del California State Mental Hospital di Napa, evento registrato con una videocamera Sony Portapak dalla Target Video di San Francisco e successivamente pubblicato con il titolo di Live at Napa State Mental Hospital.

Pubblicarono infine i due singoli registrati nel 1977 nell’EP del 1979 intitolato Gravest Hits, prima che Chilton li riporti di nuovo a Memphis per registrare il loro primo LP, Songs the Lord Taught Us, agli studi Phillips Recording, con la produzione dell’ex proprietario della Sun Records, Sam Phillips.

Dopo essersi trasferiti a Los Angeles, Kid Congo Powers dei Gun Club si unì ai Cramps come chitarrista. Ma mentre il gruppo si trova in sala di registrazione per le sessioni del secondo LP, Psychedelic Jungle, i Cramps e Miles Copeland iniziano una battaglia legale per i diritti e le royalty.
La susseguente sentenza sulla causa proibisce al gruppo di pubblicare dischi fino al 1983, anno nel quale pubblicano Smell of Female (live at New York’s Peppermint Lounge); Kid Congo Powers dopo questo album lascia il gruppo. Mike Metoff dei Pagans (cugino di Nick Knox) fu l’ultimo chitarrista ritmico (utilizzato normalmente solo nelle esibizioni dal vivo) della formazione dei Cramps senza bassista.

Nel 1985 i Cramps registrano un pezzo per il film horror The Return of the Living Dead, pezzo intitolato Surfin’ Dead, nel quale Poison Ivy suona sia il basso che la chitarra. Con la pubblicazione nel 1986 di A Date with Elvis, i Cramps aggiungono in maniera permanente un bassista alla formazione, anche se ebbero dei problemi a trovare la persona adatta, e quindi temporaneamente il ruolo di bassista venne ricoperto da Ivy. L’album riscosse un buon successo in Europa, dove le vendite raggiunsero quota 250.000 copie, mentre negli Stati Uniti il gruppo ha il problema di trovare una casa discografica che pubblichi il disco.

Nel 1986 riescono a trovare un bassista stabile in Candy Del Mar (delle Satan’s Cheerleaders), che compare per la prima volta nell’album dal vivo Rockin n Reelin in Auckland New Zealand del 1987, disco seguito dall’album in studio Stay Sick del 1990. The Cramps entrano nella classifica top 40 dei singoli in Inghilterra per la prima ed unica volta con il pezzo Bikini Girls with Machine Guns.

Il gruppo registrerà altri album e singoli tra gli anni novanta e 2000, per diverse etichette e con diversi gradi di successo. Nel 2003 esce Fiends of Dope Island e l’anno successivo How to Make a Monster entrambi per l’etichetta Vengeance Records, fondata dalla stessa coppia Interior/Ivy.

Curiosità:

Nel 2005 la Baker Skateboards mise in vendita una tavola da skateboard disegnata utilizzando la copertina di Bad Music for Bad People; il nome dello skateboard è “The Baker Greco Can’t Hardly Stand It Deck”, ed è tratto da una cover inserita nell’album dal titolo “I Can’t Hardly Stand It”, canzone che venne utilizzata anche nella campagna pubblicitaria per il lancio dello skateboard.

In onore agli eccessi dei Cramps, essi sono raffigurati alla Rock and Roll Hall of Fame con una grancassa che Lux Interior aveva attraversato con la testa durante un concerto.

Ultima formazione :

* Lux Interior (Erick Purkhiser) – voce (dal marzo 1976 – al febbraio 2009)
* Poison Ivy (Kristy Wallace) – chitarra (dal marzo 1976)
* Sean Yseult – basso (dal settembre 2006)
* Harry Drumdini – batteria (febbraio 1993 – agosto 2003, da agosto 2006 in poi)

Ex componenti:

Chitarra

* Bryan Gregory (Greg Beckerleg) – (aprile 1976 – maggio 1980)
* Julien Grindsnatch – (luglio – settembre 1980)
* Kid Congo Powers (Brian Tristan) – (dicembre 1980 – settembre 1983)
* Mike Metoff (as Ike Knox) – (ottobre 1983 – novembre 1983; gennaio 1984 – luglio 1984)
* Chopper Franklin – (chitarra e basso, gennaio 2002 – settembre 2006)

Basso

* Brian Emser
* Candy del Mar – (luglio 1986 – gennaio 1991)
* Slim Chance – (marzo 1991 – agosto 1998)

Batteria

* Pam Ballam (Pam Beckerleg) – (aprile 1976 – settembre 1976)
* Miriam Linna – (ottobre 1976 – giugno 1977)
* Nick Knox – (luglio 1977 – gennaio 1991)
* Nickey Alexander – (giugno 1991 – gennaio 1993)
* Bill “Buster” Bateman – (giugno 2004 – agosto 2006)
* SugarPie Jones – (2000)

Discografia:

Album studio

* 1979 – Gravest Hits (EP)
* 1980 – Songs the Lord Taught Us
* 1981 – Psychedelic Jungle
* 1986 – A Date with Elvis
* 1990 – Stay Sick
* 1991 – Look Mom No Head!
* 1994 – Flamejob
* 1997 – Big Beat from Badsville
* 2003 – Fiends of Dope Island

Album dal vivo

* 1983 – Smell of Female
* 1987 – RockinnReelininAucklandNewZealandXXX

Raccolte

* 1983 – Off the Bone
* 1984 – Bad Music for Bad People
* 2004 – How to Make a Monster

Singoli

* 1978 – The Way I Walk
* 1978 – Human Fly
* 1980 – Fever
* 1980 – Garbageman
* 1980 – Drug Train
* 1981 – Goo Goo Muck
* 1981 – The Crusher
* 1984 – Faster Pussycat
* 1984 – I Ain’t Nuthin’ But a Gorehound
* 1985 – Can Your Pussy Do the Dog?
* 1986 – What’s Inside a Girl?
* 1986 – Kizmiaz
* 1986 – Get Off the Road
* 1990 – Bikini Girls with Machine Guns
* 1990 – All Women Are Bad
* 1990 – The Creature From the Black Leather Lagoon
* 1991 – Eyeball in My Martini
* 2003 – Big Black Witchcraft Rock

Ultimo concerto, Belgio, 20o6

http://arouseyourpassion.blogspot.de/2012/09/his-devotion-to-ivy-her-boots-her.html%5Dhttp//arouseyourpassion.blogspot.de/2012/…-boots-her.html

144 paginuzze di bio dei crampi in pdf.

Ci son degli anedotti davvero gustosi..e sto scoprendo tante cose che non sapevo. E’ in inglese, ma si legge abbastanza facile! Stay sick and turn blue! :B):

personaggi che hanno profondamente traviato la mente del piccolo Erick Purkhiser

Tura Satana è morta lo stesso giorno due anni dopo sempre d’attacco di cuore e io ho fatto questo poster per ricordarli 😉