SPARKLE MOORE THE BLONDE ROCKABILLY QUEEN!

Immagine

Decisamente meno conosciuta di Wanda Jackson, ma non meno fondamentale per lo sviluppo del rockabilly, l’esplosiva bomba platinata: Sparkle Moore. Proclamata anche lei “regina del rockabilly”  nel settembre 2010, al Rock and Roll Hall of Fame (Iowa), dove le viene riconosciuto lo status di pioniere del r’n’r.

Nata come Barbara Morgan, il 6 novembre 1936 a Omaha, Nebraska.  Il suo nome d’arte, Sparkle Moore, viene da Sparkle Plenty per via della somiglianza con il personaggio del fumetto di Dick Tracy.
Comincia a manifestare il suo interesse per la musica a soli 10 anni, quando viene stregata da una chitarra acustica in acciaio hawaiano acquistata in un banco dei pegni. Cresce con gli jodel e  le melodie di Jimmie Rodgers e le canzoni di Hank Williams. Durante le scuole elementari comincia a suonare il violoncello. Alle superiori contrabbasso e fagotto nell’orchestra della scuola e nella banda.

Nel 1954, con la comparsa di Billy Haley la sua attenzione viene completamente catturata dal  rock and roll. I  musicisti della zona  cominciano a trovarsi regolarmente nel suo scantinato per suonare. La ragazza, appena diciottenne, va completamente fuori di testa per il rock and roll, e scappa di casa per unirsi ad una band di New Orleans.

Nel 1956 Grahame “Crackers” Richards, un Disc Jockey a stazione radio KOWH a Omaha, Nebraska, la scopre e decide di diventare immediatamente il suo manager. In una settimana, Grahame le trova cinque diverse offerte per incidere dalle maggiori etichette del momento.

Firma con la Fraternity Records di Cincinnati ed esce il suo primo 45 giri con “Rock-a-Bop” e “Skull and Crossbones”.


Nel 1957, esce il secondo 45 con “Killer” e “Tiger” . Ogni cantante donna in quel periodo viene  etichettata come “Female Presley”, ma probabilmente lei era quella che lo meritava di più.

Parte in tour, i suoi capelli biondi, le sue giacche sgragianti e la sua chitarra appaiono in negozi di dischi, scuole, discoteche, e ovunque ce ne fosse la possibilità.
Apre un concerto per Tommy Sands, suona con Gene Vincent, Ronnie Sé, il Grand Old Opry, Sammy Davis Jr. e molti altri.
La sua musica viene considerata selvaggia e decisamente sconveniente per una donna del tempo. E per sottolineare questo aspetto solitamente lei si veste da uomo.

L’apice del suo successo va dal ’56 al ’59,  poi viene quasi del tutto dimenticata, ma non smette assolutamente di suonare o di portare il suo contributo alla musica.
Gira con la sua chitarra e la sua Harley tutta la California, inseguendo il mito di Hollywood e del successo immediato. Non arriva ad ottenere il successo di altri artisti, ma non perchè non lo meritasse ed oggi, guardandosi indietro, è inegabile che sia stata una DELLE PRIME DONNE DEL R’N’R MADE IN U.S.A.
I suoi pezzi sono tuttora potenti, selvaggi e  rivoluzionari.
Inoltre prediligendo l’autoproduzione e la  creazione di registrazioni casalinghe, le va anche riconosciuto il suo ruolo di guru D.I.Y della musica.
Ha scritto, arrangiato, cantato, suonato e registrato musica originale, canzone dopo canzone per oltre quattro decenni, progressivamente utilizzando i più moderni sistemi di registrazione disponibili.

“SPARK-A-Billy” il suo ultimo cd, uscito nel 2010 contiene gran parte delle sue registrazioni autoprodotte.

Negli ultimi anni, grazie ad un revival rockabilly in Europa, sono riemerse molte registrazioni d’epoca, fra cui le sue. Ripubblicate su molteplici compilation dalla ACE Records di Londra e da  altre etichette. Altri artisti hanno coverizzato le sue canzoni e  le vengono offerte numerose occasioni per tenere concerti rockabilly sia in Europa che negli Stati Uniti.

Per il suo fondamentale contributo al rockabilly femminile e più tardi rock and roll come lo conosciamo oggi e per l’ispirazione ha fornito a molte di quelle prime donne Rockin ‘, Sparkle Moore non deve assolutamente  essere dimenticata.

Discography
NEW RELEASE
Sparkle Moore (CD) -Sept 1, 2010 – SPARK-A-BILLY

ORIGINAL RELEASES (45’s)
Fraternity F-751 – Nov 17, 1956 – Rock–Bop(1)/Skull And Cross Bones(2)
Fraternity F-766 – May 1957 – Killer(3/Tiger(4)
Unissued Tracks – Flower Of My Heart(5), Killer [alt. vers.](6), Tiger [alt. vers.](7)

COMPILATION REISSUES
Ace CDCHD 1016 (CD) Good Girls Gone Bad (Wild, Weird, And Wanted) (1,2,5,6,7)
Ace CDCHD 316(CD) All American Rock ‘N’ Roll From Fraternity Records (1,3,4,5)
Ace CDCHD 815 (CD) Them Rockabilly Cats (1)
Ace CDCHD 822 (CD) All American Rock ‘N’ Roll: The Fraternity Story, Vol. 2 (2,4)
Crown 56-200 (LP) Rock, Rock, Rock, Vol. 2 (1)
Eagle EA-R 90207 (CD) Cool Off Baby (1)
Folkline 274-162 (CD) Rockabilly Kittens, Vol. 2 (1)
Pompadour DA 002 (10-in LP) Man’s Ruin: Skin-Tone Rock ‘N’ Roll (2)
Rounder 1031 (LP) (Cassette) Wild, Wild Young Women (1,2)
Supersonic LP-FV 1172 (LP) Hot Boppin’ Girls, Vol. 4 (1,2)
Unlimited Prod. ULP 1006 (LP) Let’s Have A Ball (1)
Toro Records, ETCD1013 (CD) Welcome to the Club (Early Female Rockabilly) (13,16)

English infos here!  ——-> http://sparklemoore.net/

Advertisements

THE CRAMPS

THE CRAMPS

LA STORIA

Nella primavera del 1976, I Cramps cominciano a marcire in un appartamento di New York. In assenza d’ aria fresca o luce naturale, il gruppo da vita al primo ceppo mutante del rock’n’roll, aiutato solo dai malaticci raggi blu della tv a tarda notte. Mentre i ritmi martello pneumatico del punk si moltiplicavano a New York, i Cramps entrano nei profondi meandri della psiche del rock’n’roll più primitivo e fanno propri tutti gli impulsi ritmici del rockabilly più esplosivo, mandando in frantumi, fra brividi e singhiozzi, il sound della cultura meridionale. Ma manca ancora qualcosa, così a tarda notte, mentre i film di fantascienza colorano la stanza, i Cramps prendono e scelgono, i più psicotici frammenti di epoche precedenti pietra, (rock strumentale, surf, psichedelia e garagepunk anni sessanta) e per finire aggiungono l’elemento più tossico di tutti: Loro stessi.

E’ quasi impossibile non aver mai sentito parlare dei Cramps. La loro carriera è stata leggendaria. Pericolosamente bizzarra ma soprattutto genuina, I Cramps rappresentano tutto ciò che è veramente riprovevole rock’n’roll. Membri fondatori Lux Interior (psico-sessuale Elvis / ibrido Werewolf dall’inferno) e chitarra-imbracatura anima gemella Poison Ivy (l’ultima cattiva ragazza volpe).
Loro gli artefici di un suono malvagio che distilla una croce fatta di : gocce di palude, chiaro di luna e nitro. Ottenendo con tale pozione, una sostanza musicale, pericolosa ed instabile. Il loro impatto culturale generò, una schiera di culti demoniaci e catfights (lotta fra ragazze) in pista da ballo, e un esercito di imitatori “primitivi e con movenze sconnesse”. Come gli altri pionieri del punk rock nei tardi anni settanta, si ruppero i denti denti sui palcoscenici di CBGB e del Max Kansas City. Registrarono il loro primo disco per Sam Phillips e i leggendari Sun Studios, (disco finanziato principalmente dal reddito di Ivy come dominatrice a New York).
Il termine PSYCHOBILLY compare, (quasi per la primissima volta), nei loro manifesti ,(citazione da “Psychobilly Cadillac” canzone di Jhonny Cash). Le esibizioni dal vivo erano, (e per sempre resteranno), esattamente come una scarica elettrica dritta al cervello, rock’n’roll d’assalto senza esclusione di colpi. Lux Interior muore il 4 Febbraio del 2009, di attacco di cuore. I Cramps non faranno più nuovi album, ma rivivono ancora quando qualcuno appoggia un loro vinile su un piatto e fa girare la puntina, ogni volta che qualcuno guarda un loro video, e sono stati fondamentali per la nascita di un nuovo genere che del rock and roll mutante fece il suo cavallo da battaglia, LO PSYCHOBILLY.

LUX TI RICORDEREMO COSì

BIOGRAFIA

Lux Interior (nato Erick Purkhiser) e Poison Ivy (nata Kristy Wallace) si incontrarono a Sacramento in California nel 1972. Grazie agli interessi artistici in comune ed alla devozione per il collezionismo di dischi in vinile, i due decidono di formare un gruppo con il nome The Cramps.
Lux Interior prese il suo nome d’arte da una pubblicità per auto, e Poison Ivy disse invece di aver fatto un sogno dove si vedeva questo nome (in origine il nome completo era Poison Ivy Rorschach, e l’ultimo nome era preso dall’inventore del Test di Rorschach). Tuttavia non credo che la scelta di tale nome non sia stata infleuenzata dal celeberrimo personaggio di Batman, (non a caso rossa di capelli) o dall’omonima canzone dei Coasters.

LA BAND, LE VARIE FORMAZIONI E GLI ALBUM

Nel 1973 si trasferiscono ad Akron in Ohio, e nel 1975 a New York, dove entrano subito a far parte della scena punk rock che ruotava intorno al locale CBGB, e che comprendeva altri gruppi come Ramones, Patti Smith, ed i Television. La formazione nel 1976 era: Poison Ivy Rorschach, Lux Interior, Bryan Gregory (chitarra) e sua sorella Pam “Ballam” (batteria). La particolarità del gruppo era che nella formazione (fino al 1983) non era compreso un bassista.

In breve tempo il gruppo cambia il batterista per due volte. Miriam Linna (successivamente nei Nervous Rex, nei The Zantees, e nei The A-Bones) sostituisce Pam Ballam, e Nick Knox (precedentemente negli Electric Eels) sostituisce Linna nel settembre 1977.
Alla fine degli anni settanta pubblicano due singoli indipendenti prodotti da Alex Chilton agli Ardent Studios di Memphis nel 1977, prima di essere messi sotto contratto da Miles Copeland III per la I.R.S. Records.
Nel giugno del 1978 eseguono un concerto gratuito per i pazienti del California State Mental Hospital di Napa, evento registrato con una videocamera Sony Portapak dalla Target Video di San Francisco e successivamente pubblicato con il titolo di Live at Napa State Mental Hospital.

Pubblicarono infine i due singoli registrati nel 1977 nell’EP del 1979 intitolato Gravest Hits, prima che Chilton li riporti di nuovo a Memphis per registrare il loro primo LP, Songs the Lord Taught Us, agli studi Phillips Recording, con la produzione dell’ex proprietario della Sun Records, Sam Phillips.

Dopo essersi trasferiti a Los Angeles, Kid Congo Powers dei Gun Club si unì ai Cramps come chitarrista. Ma mentre il gruppo si trova in sala di registrazione per le sessioni del secondo LP, Psychedelic Jungle, i Cramps e Miles Copeland iniziano una battaglia legale per i diritti e le royalty.
La susseguente sentenza sulla causa proibisce al gruppo di pubblicare dischi fino al 1983, anno nel quale pubblicano Smell of Female (live at New York’s Peppermint Lounge); Kid Congo Powers dopo questo album lascia il gruppo. Mike Metoff dei Pagans (cugino di Nick Knox) fu l’ultimo chitarrista ritmico (utilizzato normalmente solo nelle esibizioni dal vivo) della formazione dei Cramps senza bassista.

Nel 1985 i Cramps registrano un pezzo per il film horror The Return of the Living Dead, pezzo intitolato Surfin’ Dead, nel quale Poison Ivy suona sia il basso che la chitarra. Con la pubblicazione nel 1986 di A Date with Elvis, i Cramps aggiungono in maniera permanente un bassista alla formazione, anche se ebbero dei problemi a trovare la persona adatta, e quindi temporaneamente il ruolo di bassista venne ricoperto da Ivy. L’album riscosse un buon successo in Europa, dove le vendite raggiunsero quota 250.000 copie, mentre negli Stati Uniti il gruppo ha il problema di trovare una casa discografica che pubblichi il disco.

Nel 1986 riescono a trovare un bassista stabile in Candy Del Mar (delle Satan’s Cheerleaders), che compare per la prima volta nell’album dal vivo Rockin n Reelin in Auckland New Zealand del 1987, disco seguito dall’album in studio Stay Sick del 1990. The Cramps entrano nella classifica top 40 dei singoli in Inghilterra per la prima ed unica volta con il pezzo Bikini Girls with Machine Guns.

Il gruppo registrerà altri album e singoli tra gli anni novanta e 2000, per diverse etichette e con diversi gradi di successo. Nel 2003 esce Fiends of Dope Island e l’anno successivo How to Make a Monster entrambi per l’etichetta Vengeance Records, fondata dalla stessa coppia Interior/Ivy.

Curiosità:

Nel 2005 la Baker Skateboards mise in vendita una tavola da skateboard disegnata utilizzando la copertina di Bad Music for Bad People; il nome dello skateboard è “The Baker Greco Can’t Hardly Stand It Deck”, ed è tratto da una cover inserita nell’album dal titolo “I Can’t Hardly Stand It”, canzone che venne utilizzata anche nella campagna pubblicitaria per il lancio dello skateboard.

In onore agli eccessi dei Cramps, essi sono raffigurati alla Rock and Roll Hall of Fame con una grancassa che Lux Interior aveva attraversato con la testa durante un concerto.

Ultima formazione :

* Lux Interior (Erick Purkhiser) – voce (dal marzo 1976 – al febbraio 2009)
* Poison Ivy (Kristy Wallace) – chitarra (dal marzo 1976)
* Sean Yseult – basso (dal settembre 2006)
* Harry Drumdini – batteria (febbraio 1993 – agosto 2003, da agosto 2006 in poi)

Ex componenti:

Chitarra

* Bryan Gregory (Greg Beckerleg) – (aprile 1976 – maggio 1980)
* Julien Grindsnatch – (luglio – settembre 1980)
* Kid Congo Powers (Brian Tristan) – (dicembre 1980 – settembre 1983)
* Mike Metoff (as Ike Knox) – (ottobre 1983 – novembre 1983; gennaio 1984 – luglio 1984)
* Chopper Franklin – (chitarra e basso, gennaio 2002 – settembre 2006)

Basso

* Brian Emser
* Candy del Mar – (luglio 1986 – gennaio 1991)
* Slim Chance – (marzo 1991 – agosto 1998)

Batteria

* Pam Ballam (Pam Beckerleg) – (aprile 1976 – settembre 1976)
* Miriam Linna – (ottobre 1976 – giugno 1977)
* Nick Knox – (luglio 1977 – gennaio 1991)
* Nickey Alexander – (giugno 1991 – gennaio 1993)
* Bill “Buster” Bateman – (giugno 2004 – agosto 2006)
* SugarPie Jones – (2000)

Discografia:

Album studio

* 1979 – Gravest Hits (EP)
* 1980 – Songs the Lord Taught Us
* 1981 – Psychedelic Jungle
* 1986 – A Date with Elvis
* 1990 – Stay Sick
* 1991 – Look Mom No Head!
* 1994 – Flamejob
* 1997 – Big Beat from Badsville
* 2003 – Fiends of Dope Island

Album dal vivo

* 1983 – Smell of Female
* 1987 – RockinnReelininAucklandNewZealandXXX

Raccolte

* 1983 – Off the Bone
* 1984 – Bad Music for Bad People
* 2004 – How to Make a Monster

Singoli

* 1978 – The Way I Walk
* 1978 – Human Fly
* 1980 – Fever
* 1980 – Garbageman
* 1980 – Drug Train
* 1981 – Goo Goo Muck
* 1981 – The Crusher
* 1984 – Faster Pussycat
* 1984 – I Ain’t Nuthin’ But a Gorehound
* 1985 – Can Your Pussy Do the Dog?
* 1986 – What’s Inside a Girl?
* 1986 – Kizmiaz
* 1986 – Get Off the Road
* 1990 – Bikini Girls with Machine Guns
* 1990 – All Women Are Bad
* 1990 – The Creature From the Black Leather Lagoon
* 1991 – Eyeball in My Martini
* 2003 – Big Black Witchcraft Rock

Ultimo concerto, Belgio, 20o6

http://arouseyourpassion.blogspot.de/2012/09/his-devotion-to-ivy-her-boots-her.html%5Dhttp//arouseyourpassion.blogspot.de/2012/…-boots-her.html

144 paginuzze di bio dei crampi in pdf.

Ci son degli anedotti davvero gustosi..e sto scoprendo tante cose che non sapevo. E’ in inglese, ma si legge abbastanza facile! Stay sick and turn blue! :B):

personaggi che hanno profondamente traviato la mente del piccolo Erick Purkhiser

Tura Satana è morta lo stesso giorno due anni dopo sempre d’attacco di cuore e io ho fatto questo poster per ricordarli 😉

WANDA JACKSON (THE BRUNETTE ROCKABILLY QUEEN)

wanda

Wanda Lavonne Jackson, cantante, cantautrice pianista e chitarrista americana, nasce a Maud, Oklahoma , il 20 Ottobre del 1937. E’ conosciuta come la prima cantante (bianca, le cantanti nere lo facevano già ma al tempo, vedi “HOUNDDOG” di Big Mama Thorthon, ma i bianchi che ascoltavano la musica nera non erano esattamente benvisti !) ad essersi dedicata al rock’n’roll, per questo motivo fu ribattezzata la regina (o first lady) del rockabilly. Il suo sound era caratterizzato da influenze country unite ad un rock’n’roll grintoso e graffiante.

Comincia a suonare la chitarra da bambina, grazie al padre musicista, che gliene regala una e che la “svezza musicalmente” portandola a vedere numerosi concerti (Spade Cooley, Tex Williams e Bob Wills).
Molto giovane, ancora studentessa, vince un concorso che le darà spazio in una radio locale.
Nel 54 Hank Thompson la sente cantare alla radio e la invita ad entrare a far parte della sua band “the Brazos Valley Boys”.
Registrò qualche pezzo con la loro etichetta, la Capitol Records.
Fra cui “You Can’t Have My Love” (1954), un duetto con Billy Gray, (leader e cantante della band). La canzone si piazzò al n°8 della chart country.
Visto il successo del singolo, la ragazza prense coraggio e chiese al produttore della Capitol di firmare con la sua etichetta, ma questo si rifiutò dicendole che le ragazze non facevano vendere dischi!
Quindi Wanda lasciò la band e firmò per la Decca Records.

Dopo il diploma, cominciò un tour col padre in veste di accompagnatore e manager. Sua madre le disegnava i vestiti di scena, vestiti con le frange, tacchi alti e vistosi orecchini, questo look ricercato e la sua bella presenza la resero ” la prima donna glamor della country music.”
Nella seconda metà dei ’50’s Wanda conosce Elvis che le farà notare quanto la sua voce si presti a cantare rockabilly piuttosto che country.

Nel 56 la Capitol ci ripensa e la scrittura, facendole registrare diversi singoli come:  “I Gotta Know” del 1956 che si piazza anche abbastanza bene in classifica.

Di là a breve, la Jackson convinse il produttore a farle registrare qualcosa più sullo stile di  Gene Vincent and The Blue Caps.
Così, la Capitol ingaggiò il pianista rock and roll Merill Moore e l’allora ancora sconosciuto, Buck Owens alla chitarra. La voce unica della Jackson unita ad un incalzante ritmo in levare contribuirono fortemente a influenzare il r’n’r di quegli anni.

Nei tardi 50 la Jackson registrò numerose canzoni rockabilly : “Hot Dog! That Made Him Mad,” “Mean, Mean Man,” “Fujiyama Mama” ( hit N° 1 in Giappone) e “Honey Bop”. Fra il 59 e il 60 la cantante partì per un tour in Giappone fra il 59 e il 60. Tuttavia In America era ancora conosciuta solo a livello locale.

Nel 1960 grazie al successo di “Let’s Have a Party”,(canzone registrata un anno prima da Elvis), questo permise a lei e alla sua band, The Party Timers, di diventare band headliner. In questi anni era accompagnata dal pianista Big Al Downing e da chitarrista Roy Clark.
I singoli che registrarono successivamente arrivarono nella top 40 pop success. “Right or Wrong”, al N° 9 e “In The Middle of a Heartache”, al N° 6.
Questo inaspettato successo fece si che la Capitol producesse numerosi dischi con il materiale che la Jackson aveva composto durante gli anni 50:
“Rockin’ with Wanda” and “There’s a Party Goin’ On”, che includevano “Tongue Tied” e “Riot in the Cell Block”#9.
I suoi album del 1961 e del 1962: “Right or Wrong” e “Wonderful Wanda” la portarono nella top ten della chart country.
Nel 1963 The Party Timers,registrarono “Two Sides of Wanda”che spaziava fra country e rockabilly e includeva la cover di “Whole Lotta Shakin’ Goin’ On” di Jerry Lee Lewis. Grazie quest’album Wanda Jackson ebbe la sua prima nomination come “miglior cantante femminile country”

Dal 65 in poi il suo sound prende connotati definitivamente country.

Nei primi del 1965, la Jackson viene invitata dal partner tedesco della Capitol a registrare in tedesco.
“Santo Domingo (b / w Morgen, ja Morgen)”, registrato negli studi Electrola a Colonia, raggiunse la posizione n ° 5 delle classifiche ufficiali tedesche e il numero 1 nella classifica di “Bravo”,la rivista più influente per i teenager tedeschi. Nei primi mesi dopo il successo di “Santo Domingo”, la Jackson registrò anche altre delle sue canzoni in tedesco, olandese e giapponese. Il successo di “Santo Domingo” richiese la registrazione di altri otto singoli in lingua tedesca nei tre anni successivi. I singoli in tedesco sono anche stati registrati sul album “Made in Germany”. L’ultimo singolo tedesco è stato registrato nel 1970.

Nel ’66 “Tears Will Be the Chaser for Your Wine” e “The Box it Came In” arrivano nella top 20 della chart country U.S.A.

Nel 1967, registrà due album e una serie di singoli durante gli anni successivi. I testi troppo espliciti e violenti delle sue canzoni, la dipingono come una donna pericolosa. Nel 1969 “My Big Iron Skillet”, hit della Top 20 hit, minacciava di morte (grazie ad una graaaaande padella di ferro) il coniuge per averla tradita. La Jackson era una delle attrazioni principali di Las Vegas, aveva anche uno show televisivo tutto suo “Music Village” (1967-68).

Nel 1970 e nel 1971, le sue due ultime hit da top 20: “A Woman Lives For Love” (la sua seconda nomination ai Grammy) e “Fancy Satin Pillows”.

Negli anni 70 si avvicina alla fede e comincia a cantare gospel.

Dagli 80 in poi, con il revival del rockabilly, si torna a parlare di lei e la Jackson comincia a venire invitata soprattutto in Europa per apparizioni, performance e interviste.

Ovviamente questa la conoscete

…anche fatta da uno strano essere con faccia putrefatta e orecchie a punta… 😛 Sparky dei Demented are Go!

[size=7]<b>